Laboratorio alimentare: pasta, pizza, dolci e fantasia

Le esperienze di cucina fanno parte della quotidianità e, da sempre, la cucina è uno spazio ricco di implicazioni emotivo/affettive radicate nel vissuto di ciascun individuo e di relazioni interpersonali che innescano dinamiche psichiche importanti. Per trasformare queste dinamiche in esperienze utili nella vita dei ragazzi e delle loro famiglie, la HERMES ONLUS ha pensato alla realizzazione di un laboratorio. Un momento di incontro che combini le naturali implicazioni emotive che la cucina suscita nelle persone, attraverso un percorso strutturato che, con l’aiuto degli operatori, possa aumentare l’autonomia e la sensazione di essere “efficaci” nella vita di tutti i giorni.

Un gruppo di 15 ragazzi, supportati singolarmente dagli operatori o dal proprio familiare/ volontario, saranno coinvolti nella gestione e nella preparazione di diverse ricette.

OBIETTIVI SPECIFICI DEL PROGETTO

  • Sviluppare la manualità e l’attenzione: impastare: pane, pizza, grissini, biscotti;arrotolare: pasta salata o dolce; amalgamare: torte, pani; spalmare: formaggio, crema, cioccolata; tagliare: frutta, verdura; utilizzare formine per esercitare pressione creando biscotti a tema; decorare: dolci, biscotti.
  • Introdurre, sperimentare e apprendere l’utilizzo di piccoli ausili o strategie per cucinare in modo più sicuro ed efficace;
  • Aumentare i tempi attentivi e la concentrazione sul compito;
  • Stimolare l’apprendimento utilizzando strategie basate sull’ esperienza;
  • Aumentare la resistenza fisica e cognitiva alle attività;
  • Aumentare l’autostima e la consapevolezza in merito alle proprie capacità;
  • Migliorare la capacità di esprimere emozioni, bisogni, desideri, stati d’animo;
  • Stimolare la partecipazione e l’instaurarsi di una relazione positiva e costruttiva tra i componenti del gruppo

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

  • Fare esperienza al di fuori del laboratorio attraverso uscite programmate finalizzate a fare la spesa;
  • Stimolare la creatività, la pianificazione, l’orientamento e l’organizzazione spazio-temporale e la risoluzione di problemi;
  • Ideare e creare un ricettario personalizzato;
  • Stimolare la partecipazione e l’instaurarsi di una relazione positiva e costruttiva tra i partecipanti del gruppo;
  • Migliorare l’autostima e la sicurezza nelle proprie capacità


Foto del progetto